Diego Bivona: dall`esperienza ZES importante segnale di coesione

mercoledì 7 agosto 2019

 

"Grazie al dialogo, alla coesione del Territorio, ma soprattutto alla tempestività con cui si è intervenuto, si è potuto evitare una ulteriore marginalizzazione dell’economia siracusana rispetto ad altri Territori".

Lo ha detto il presidente di Confindustria Siracusa Diego Bivona esprimendo soddisfazione per i risultati conseguiti in sede di individuazione da parte della Regione delle aree “Zone Economiche Speciali” (Zes) nel territorio della Sicilia Orientale, in attesa della definitiva decretazione.

"Abbiamo apprezzato - ha aggiunto Bivona - l’impegno dell’Assessore alle Attività Produttive Turano che, nel portare avanti celermente il progetto Zes in Sicilia, ha sempre tenuto aperto il dialogo con i Territori, tenendo conto delle aspettative di tutti”.

“Ci siamo ritrovati a sostenere le ragioni del territorio siracusano, con una rappresentanza compatta e coesa, con i Sindaci dei Comuni della zona industriale, i Segretari Regionali dei Sindacati, i deputati nazionali e regionali dei diversi schieramenti, le Associazioni di categoria siracusane; con tutti da oltre un anno collaboriamo per rendere attrattive per nuove attività imprenditoriali le aree Asi e quelle dei Comuni".

"Possiamo guardare avanti oggi con più fiducia al futuro, se riusciremo a replicare la metodologia seguita in tale occasione” - ha concluso il presidente di Confindustria Siracusa. “Il Patto di Responsabilità Sociale va in questa direzione: affrontare i temi con competenza e trasparenza, favorendo il confronto e il dibattito costruttivo per giungere a proposte condivise con l'unico obiettivo di sostenere l'imprenditoria eticamente corretta e promuovere investimenti in grado di risollevare l’economia siracusana e siciliana".

 

Siracusa, 7 agosto 2019

 

SF
 


INIZIO

SEGUICI

Powered by Xonex
Il presente sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Clicca qui per prendere visione dell'informativa.