Fondo di garanzia pan-europeo BEI

venerdì 29 maggio 2020

Gentili Associati,

 

vi segnalo che, lo scorso 26 maggio, il Board dei Direttori della Banca Europea degli Investimenti (BEI) ha approvato la struttura e il modello di funzionamento del nuovo Fondo di garanzia pan-europeo, istituito al fine di affrontare le conseguenze economiche dell'emergenza Covid-19 (maggiori informazioni sono disponibili al link: https://www.eib.org/en/about/initiatives/covid-19-response/index.htm# ) 

 

Il Fondo rientra (insieme al MES e allo schema europeo per la disoccupazione - SURE) nel piano complessivo varato lo scorso 23 aprile dal Consiglio europeo e fornirà 25 miliardi di garanzie a supporto delle imprese, soprattutto di piccola e media dimensione, per mobilitare fino a 200 miliardi di finanziamenti addizionali.   

 

La contribuzione al Fondo avverrà pro quota da parte degli Stati membri, in proporzione alla propria partecipazione al capitale della BEI, e/o da parte di altre istituzioni. 

 

La garanzia della BEI supporterà diversi tipi di operazioni: 

 

- Strumenti di garanzia per le banche commerciali e gli istituti di promozione nazionale 

- Garanzie per i sistemi di garanzia nazionali 

- Contro-garanzie per gli istituti di promozione nazionale 

- Supporto per PMI e mid-cap finanziate da fondi di venture capital 

- Acquisto di titoli garantiti da attività dalla banche per fornire maggiori prestiti alle PMI 

- Venture debt verso imprese con forti potenzialità di crescita, incluse quelle nel settore farmaceutico 

 

A tale proposito, vi segnalo che l'art. 36 del DL 34/2020 (cd. DL Rilancio) prevede che il MEF possa stipulare accordi con il Gruppo BEI e, in attuazione degli stessi accordi, concedere anche la propria garanzia, incondizionata e a prima richiesta, sulle operazioni di sostegno finanziario della BEI alle imprese italiane. 

  

La gran parte dei finanziamenti sarà resa disponibile attraverso gli intermediari finanziari di tutti i paesi dell'Unione europea, compresi gli Istituti nazionali di promozione. Una volta finanziato il Fondo - che, secondo quanto previsto, dovrebbe essere operativo entro il 1 giugno prossimo - le imprese potranno fare richiesta di garanzia tramite gli intermediari finanziari aderenti, la cui lista sarà pubblicata sul sito di BEI (www.eib.org). 

 

Il Fondo della BEI è una prima soluzione in attesa che diventino operativi il rafforzamento del Quadro Finanziario Pluriennale europeo e gli strumenti del Recovery Fund. 

 

In merito a quest'ultimo, la Commissione europea ha oggi formulato la sua proposta, in base alla quale il nuovo strumento, che sarà oggetto negoziato tra gli Stati membri, distribuirà 500 miliardi sotto forma di sovvenzioni e altri 250 miliardi sotto forma di prestiti, in relazione al danno economico subito da ciascun Paese in ragione dell'emergenza Covid-19. 

 

Il Recovery Fund verrà finanziato da obbligazioni della Commissione europea, che propone di rimborsare il debito in via temporanea con un aumento delle risorse proprie e con piani di rimborso di lunga durata. Quanto al funzionamento del Fondo, la Commissione propone che il denaro serva anche a una complessiva modernizzazione dell'economia europea e quindi non solo al rilancio della congiuntura. Priorità verrà data al digitale e all'ambiente. 

 

Un caro saluto

Giuseppe Bianca


INIZIO

SEGUICI

Powered by Xonex
Il presente sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Clicca qui per prendere visione dell'informativa.