VACCINI, CONFINDUSTRIA: ACCORDO SU PROTOCOLLI IMPORTANTE PASSO AVANTI. LE IMPRESE POTRANNO CONTRIBUIRE IN MODO CONCRETO ALLA CAMPAGNA

mercoledì 7 aprile 2021

VACCINI, CONFINDUSTRIA: ACCORDO SU PROTOCOLLI IMPORTANTE PASSO AVANTI. LE IMPRESE POTRANNO CONTRIBUIRE IN MODO CONCRETO ALLA CAMPAGNA


Nella serata del 6 aprile, sono stati condivisi da Confindustria e le altre Parti Sociali, alla presenza del Ministro del lavoro e delle politiche sociali e del Ministro della salute, il “Protocollo nazionale per la realizzazione dei piani aziendali finalizzati all’attivazione di punti straordinari di vaccinazione anti SARS-CoV-2/ Covid-19 nei luoghi di lavoro” e il “Protocollo condiviso di aggiornamento delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2/COVID-19 negli ambienti di lavoro”, che alleghiamo.

 

Il primo protocollo contiene le linee guida per definire ed attuare piani aziendali per la vaccinazione dei lavoratori. Qualora la disponibilità dei vaccini lo consentirà, in coerenza con gli indirizzi del piano nazionale per la vaccinazione anti SARS-CoV-2/Covid 19, sarà possibile, per le imprese che lo vorranno, organizzare la somministrazione del vaccino ai propri lavoratori semplicemente rispettando regole e procedure definite nel Protocollo e nei documenti che questo richiama.

 

La vaccinazione negli ambienti di lavoro, anche se affidata al medico competente o ad altri sanitari convenzionati con il datore di lavoro, resta una iniziativa di sanità pubblica, per la quale è espressamente richiamato l’esonero da responsabilità del medico, previsto dal recente decreto-legge n. 44/2021, ed è evidenziato che non attiene alla disciplina della sicurezza nei luoghi di lavoro.

 

Il Protocollo fissa linee guida nazionali per dare ulteriore contenuto al senso di responsabilità sociale mostrato dalle imprese in questi ultimi mesi. Queste potranno, infatti, collaborare attivamente alla realizzazione del piano vaccinale, non solo attraverso la messa a disposizione di propri spazi aziendali perché possano diventare hub vaccinali per l’intera popolazione, come ipotizzato da Confindustria, ma, se lo vorranno, anche attuando direttamente piani aziendali di vaccinazione per i lavoratori.

 

Il secondo Protocollo, invece, aggiorna i precedenti accordi del 14 marzo e 24 aprile 2020 per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus negli ambienti di lavoro che erano stati recepiti con DPCM. Sono stati inserite le novità intervenute in questo anno mantenendo inalterato l’impianto dei precedenti protocolli che - come dimostrano anche i dati forniti da INAIL sul numero delle denunce di infortunio professionale per COVID - sono stati molto efficaci nel contenimento e nel contrasto al virus.

 

Ha trovato conferma e condivisione il principio fondamentale secondo cui la pandemia ha natura di rischio biologico generico. In questo senso, il contrasto al virus viene attuato attraverso i provvedimenti della pubblica autorità e i protocolli, escludendo, quindi, la necessità di effettuare la valutazione dei rischi e l’aggiornamento del relativo documento di valutazione (DVR).

 

È stata anche modificata la precedente formulazione relativa alle trasferte, eliminando ogni riferimento al divieto di effettuarne in Italia e all’estero e si è confermata la necessità di negativizzare il tampone per poter fare rientro in azienda, superando il contrasto con le circolari del Ministero della salute.

 

“Un passo avanti importante che consentirà alle imprese di poter contribuire in modo concreto e in sicurezza alla campagna di vaccinazione”. Questo il commento di Confindustria in merito all’accordo siglato stanotte con le parti sociali, alla presenza del Ministro del lavoro e del Ministro della salute, in cui è stato definito sia il Protocollo per le vaccinazioni in azienda che l’aggiornamento di quello relativo alle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus siglato l’anno scorso.

 

“Sono state definite linee di indirizzo unitario a livello nazionale, che delineano un quadro regolatorio univoco, in cui le imprese potranno collaborare attivamente alla realizzazione del piano vaccinale. E potranno farlo non solo attraverso la messa a disposizione di propri spazi aziendali hub vaccinali per l’intera popolazione, ma se lo vorranno, anche attuando piani vaccinali per i dipendenti, rispettando regole e procedure definite nel Protocollo e nei documenti che questo richiama. Inoltre, per le aziende che non ritenessero di assumere direttamente l’onere organizzativo della procedura vaccinale, sarà anche possibile fare ricorso a forme convenzionali con strutture sanitarie private”. Il protocollo tuttavia precisa sia la recente norma che esclude la responsabilità per l’uso dei vaccini sia il fatto che la vaccinazione negli ambienti di lavoro, anche se affidata al medico competente o ad altri sanitari convenzionati con il datore di lavoro, resta una iniziativa di sanità pubblica e non interferisce, quindi, con la disciplina della sicurezza nei luoghi di lavoro.

“Ora quindi – aggiunge Confindustria - non appena la disponibilità dei vaccini lo consentirà sarà possibile dare un forte impulso alla campagna vaccinale. Le quasi 7500 imprese che si sono rese disponili potranno mettersi al fianco delle comunità per contribuire attivamente a questo grande sforzo che coinvolge l’intero Paese. Con spirito di coesione e senso di responsabilità Confindustria supporterà questa sfida”.

“Quanto al secondo Protocollo sono state inserite le novità intervenute in questo anno, mantenendo inalterato l’impianto di quelli del 14 marzo e 24 aprile 2020 che, come dimostrano anche i dati forniti da INAIL sono stati molto efficaci nel contenimento e nel contrasto alla diffusione del virus nei luoghi di lavoro.


Esprimiamo, infine, soddisfazione per il fatto che abbia trovato conferma e condivisione il principio fondamentale secondo cui la pandemia ha natura di rischio biologico generico ed esogeno all’impresa. In questo senso, il contrasto al virus viene valutato dalle autorità pubbliche e viene attuato attraverso i provvedimenti ed i protocolli, escludendo, quindi, la necessità per le aziende di effettuare la valutazione dei rischi e l’aggiornamento del relativo documento di valutazione”.

 

EF – FF
 

Allegati


INIZIO

SEGUICI

Powered by Xonex
Il presente sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione ne accetti l'utilizzo. Clicca qui per prendere visione dell'informativa.